27 novembre 2013

Frittelle, non fritte, con patate e verza alla paprica.






Una di quelle cose che proprio non riesco, ma proprio non riesco a fare in cucina, è friggere. È più forte di me, è un odore che non riesco a sopportare. Non è gravissimo, ma mi condiziona in alcune ricette, perché alla fine infilo tutto in forno, come queste frittelle, non frittelle, e alcune volte è penalizzato anche l'aspetto finale.
Non posso dire che non mi piaccia il fritto, se fatto bene, ma decisamente non fatto da me!
Detto questo vi lascio alla ricetta di oggi che, sinceramente, credo sia venuta buonissima anche usando il mio amato forno.
La sottoscritta si è salvata anche questa volta!









INGREDIENTI
100g di verza già pulita
400g di patate già pulite
uno scalogno
2 uova
un cucchiaino di paprica dolce
sale
olio

Tagliate la verza a striscioline, mettetela in una padella con un filo d'olio, lo scalogno tagliato a rondelle sottili e salate. Fate cuocere a fuoco medio per alcuni minuti. 
Grattugiate le patate con la grattugia a fori grossi. In una ciotola sbattete leggermente le uova con la paprica e sale. Unite la verza e le patate. Mettete una cucchiaiata di composto in una teglia da forno rivestita di carta forno oliata, e continuate fino ad esaurimento delle verdure. 
Mettete in forno caldo a 190° per 15-20 minuti. Servitele calde. 



24 novembre 2013

Rochers al cocco





La mia continua ricerca di biscotti alternativi mi ha portato a questa ricetta trovata QUI.
Sono dei deliziosi biscottini dal sapore e profumo tutti al cocco.
Solo quattro ingredienti per dare forma a questi dolcetti francesi dal nome particolare: rochers, cioè rocce. In realtà sono croccanti fuori ma morbidi all'interno, diciamo che delle rocce hanno ben poco.
Li trovo belli, li trovo perfetti come dolcetto dopo cena e perfetti da regalare.
Rispetto alla ricetta originale ho solo sostituito il lime con il limone. Credo che questo particolare non abbia modificato di molto la ricetta. Provateli, non sono semplici da fare, sono semplicissimi!
Una serena giornata a tutti!






INGREDIENTI per 20 dolcetti (io 15)
130g di farina di cocco
80 g di zucchero
40-50g di albumi
la scorza grattugiata di un limone


Mettete in una ciotola tutti gli ingredienti e impastate. Formate con il composto ottenuto delle palline che allungherete leggermente verso l'alto. Sistematele in una teglia rivestita di carta forno e mettete in fono caldo a 180° per 15 minuti circa. Fateli raffreddare su di una graticola.




21 novembre 2013

Rotolo con patate, finocchi, semi di sesamo e papavero




Qui sembra che voglia arrivare la neve, oggi in alcuni momenti della giornata scendevano alcuni fiocchi che per fortuna si sono poi trasformati in acqua. Devo ammettere che da quando mio marito è lontano di casa per parecchi mesi l'anno, spero sempre che la neve s'impietosisca e scenda da un'altra parte. Abitando a più di 400mt di altezza sono poche le volte che mi accontenta!

Per questo rotolo ho usato la mia brisè, quella che utilizzo in molte torte salate come ad esempio la quiche ai broccoletti e brie.  Per questa ricetta ho aggiunto dei semi di sesamo.
Amo preparare torte salate e rotoli, sono versatili, si prestano a mille ripieni e danno spazio alla nostra fantasia.
Questo rotolo, come tutte le torte salate, si può mangiare si caldo che freddo. Preparatelo in anticipo ed avrete un ottimo pasto pronto.


INGREDIENTI
200g di farina 00
un cucchiaino di lievito per torte salate
1 albume d'uovo
30ml di olio di semi di girasole( o di oliva)
80-90ml di vino bianco
2 cucchiai di semi di sesamo
sale
pepe

per il ripieno:
500g di patate 
2 finocchi
70 g di speck a cubetti
semi di papavero
olio di oliva 


Lessate le patate in acqua salata, pelatele e tagliatele a fettine. Tagliate i finocchi a fettine, metteteli in una padella con un filo d'olio, salate, coprite con un coperchio e fateli cuocere  fino a quando sono teneri. In caso aggiungete dell'acqua.
Nel frattempo preparate la brisè. Mettete la farina in una ciotola con il lievito, i semi di sesamo che avrete precedentemente tostati in una padella antiaderente, sale e pepe. Aggiungete l'albume, l'olio ed il vino. Impastate il tutto fino ad ottenere un impasto liscio.
Stendete l'impasto alto 2-3 mm direttamente su di un foglio di carta forno. Mettete sopra le patate, i finocchi e lo speck. Lasciate liberi i bordi.
Ripiegate l'impasto verso l'interno in due lati opposti e arrotolate gli altri due lati aiutandovi con la carta forno. Spennellate con dell'olio e mettete i semi di papavero.
Sistemate il rotolo su di una teglia e mettete in forno caldo a 180° per 35-40 minuti circa.





18 novembre 2013

Lasagne con patate, radicchio e gorgonzola. Il pranzo della domenica.




Queste golose lasagne sono state il nostro pranzo della domenica, un piatto unico.
A parte la quantità di gorgonzola, potrebbero essere considerate "leggere".
Ma sì, di domenica è bello portare in tavola qualcosa di diverso, qualcosa che sappia stupire e non solo sano!
A chi non piacesse il gorgonzola, può sostituirlo con il taleggio, un formaggio comunque cremoso e dal gusto deciso. Una serena giornata a tutti!




INGREDIENTI
*20 fogli di pasta secca per lasagne,circa
600g di patate
300g di radicchio rosso
750g di besciamella
150g di gorgonzola
8-10 cucchiai di parmigiano grattugiato
olio
sale
*potete usare anche quelle fresche


Lessate le patate in acqua salata, sbucciatele e tagliatele a fettine. Tagliate il radicchio a striscioline, mettetelo in una padella con un filo d'olio, salate e lasciate appassire.
In una teglia da forno stendete un po' di besciamella. Sistemate dei fogli di pasta, ricoprite con delle patate, del radicchio, dei pezzetti di gorgonzola, besciamella e parmigiano.
Continuate fino ad esaurimento degli ingredienti, terminando l'ultimo strato con la pasta, besciamella e parmigiano.
Mettete in forno caldo a 190°per 25-30 minuti.
  






12 novembre 2013

Maltagliati di farro con ragù di lenticchie rosse e funghi porcini





Erano alcuni giorni che mi ripromettevo di preparare questi maltagliati. Finalmente una mattina mi sono messa al lavoro ed eccoli pronti per il pranzo. Peccato che in casa mia il pranzo sia consumato in molteplici orari e sono pochi i giorni in cui riusciamo a sederci tutti allo stesso tavolo.

La comodità delle lenticchie rosse decorticate è che non occorre l'ammollo, si cuociono in pochi minuti e rimangono morbide. La cosa buffa è che una volta cotte diventano gialle. I misteri della chimica! In realtà le nostre cucine sono dei piccoli laboratori sperimentali dove ogni giorno nascono, spesso per caso, nuove scoperte.
Lenticchie e funghi hanno fatto nascere un ragù saporito, veloce da preparare, sano e vegetariano.

Una serena giornata a tutti!





INGREDIENTI
200g di farina00
200g di farina di farro
100g di lenticchie rosse decorticate
10g di porcini secchi 
1 scalogno
4 foglie di salvia
2-3 mestoli di brodo vegetale
1/2 bicchiere di vino bianco
sale 
pepe
olio di oliva

Mettete i porcini a bagno in acqua tiepida.
Miscelate le due farine e impastate con dell'acqua fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Coprite e lasciate riposare per 30 minuti circa. 
Nel frattempo mettete in una padella lo scalogno tagliato a rondelle con un filo d'olio. Unite le lenticchie, la salvia, i porcini che avrete tolto dall'acqua e bagnate con il vino. Lasciate evaporare e aggiungete il brodo vegetale. Fate cuocere, a fuoco medio, fino a quando le lenticchie saranno ben morbide e salate. Se dovessero asciugare aggiungete del brodo vegetale, a fine cottura non devono essere asciutte. 
Stendete l'impasto sottile e tagliate dei quadrotti irregolari.
Fate cuocere i maltagliati in a qua salata, bastano 1-2 minuti. Scolateli e metteteli direttamente nella padella con le lenticchie. Fate insaporire, in caso aggiungete dell'acqua di cottura della pasta, e servite con un'abbondante macinata di pepe.











04 novembre 2013

Incontro tra risotto, verza e scamorza






Buongiorno a tutti! Oggi una ricetta veloce, veloce, dove un risotto avanzato ha incontrato una verza e una scamorza, unici superstiti del mio frigorifero...Ne è nato un connubio buonissimo, un piatto unico perché sostanzioso, un riciclo(quello del risotto) che mi ha conquistata. Provatelo e poi ditemi!







INGREDIENTI
un risotto per 4 persone avanzato(anche del giorno prima e va benissimo anche con zafferano)
300g di verza già pulita
200g di scamorza affumicata
uno scalogno
del brodo vegetale se necessario
sale 
olio

Mettete la in una padella la verza tagliata a pezzi con lo scalogno tritato, sale e un filo d'olio. Coprite con un coperchio e fate cuocere fino a quando la verza sarà tenera. Se fosse necessario, aggiungete del brodo vegetale per arrivare a fine cottura. Mettete d'olio in una padella, fate scaldare e sistemate metà del risotto livellandolo. Aggiungete la verza e la scamorza tagliata a fettine. Ricoprite con il restante risotto e fate cuocere a fuoco medio fino a quando saranno dorate entrambe le parti( giratelo con l'aiuto di un piatto). Servite subito.