giovedì 19 giugno 2014

Isalata di riso con cremolada e verdure





In cucina, tutto, ma proprio tutto, è stato ormai provato, sperimentato ed inventato. E noi? A noi non  rimane che riprovare e reinventare.
Oggi, vi propongo una ricetta in cui ho utilizzato la cremolada che, per i milanesi, è un trito di prezzemolo, buccia di limone e aglio. Unito agli ossibuchi danno vita ad uno dei piatti italiani più conosciuti: gli ossibuchi alla milanese. Si servono accompagnati con del risotto giallo, un purè di patate o della polenta; un vero piatto unico.
La reinvenzione? Ho utilizzato la cremolada per condire un riso bianco con verdure. Il suo gusto deciso ha dato carattere sia al sapore che al profumo di questa insalata. 
Al posto del riso si possono usare: cuscus, grano o cereali vari e variare le verdure secondo la stagione.
Per me è arrivato il tempo di una pausa. Se tutto va bene ci ritroviamo fra una quindicina di giorni....A presto! 






INGREDIENTI: 280g di riso a chicco lungo, 100g di piselli (vanno bene anche surgelati), 100g di fagiolini, 2 carote, 2 zucchine, 15g di foglie di prezzemolo, il succo e la scorza di 1/2 limone, 1/2 spicchio d'aglio, un filetto d'acciuga, sale, olio d'oliva.

Portate a bollore dell'acqua salata e lessate alternandoli: i piselli, i fagiolini e le carote pulite e tagliate a rondelle. Tagliate le zucchine a rondelle e grigliatele. Lessate il riso nella stessa acqua in cui avete lessato le verdure, scolatelo e lasciatelo intiepidire. Nel frattempo tritate a coltello il prezzemolo con la buccia del limone ( utilizzate solo la parte gialla, non quella bianca), l'acciuga e l'aglio. Mettete in una ciotolina e aggiungete l'olio, il succo del limone e sale.
Mettete il riso in una zuppiera e mescolatelo con il trito di prezzemolo. Aggiungete i fagiolini tagliati a pezzi, le altre verdure e mescolate delicatamente.






giovedì 12 giugno 2014

Bomboloni dolci al vapore cotti in pentola






Sono una via di mezzo tra le brioches e i krapfen, ma non essendo cotti in forno né fritti, costituiscono un'assoluta novità, almeno per me, in fatto di cottura. 
Quando ho letto questa ricetta in un vecchio librone di cucina ero un po' titubante riguardo la riuscita, forse per la cottura decisamente particolare. Non mi restava che provarli. Beh, li ho provati per ben due volte, con risultati leggermente diversi: la prima volta ho messo meno latte perché mi sembrava troppo, e mi si sono attaccati leggermente alla pentola, e nel secondo tentativo, dove mi sono attenuta alle dosi, sono lievitati così tanto che mi si sono attaccati al coperchio. Nulla che compromettesse il loro sapore, solo un problema estetico! 
Sono morbidissimi, si mangiano caldi con una colata di composta liquida di frutta, zabaione o al cioccolato. Freddi possono sostituire le brioches al mattino per colazione. Io li ho arricchiti con della confettura, come se fossero dei panini morbidissimi.... E poi in estate la loro particolare cottura può essere sicuramente un'ottima alternativa a quella del forno!
Detto questo, non mi rimane che darvi le misure della pentola che ho utilizzato, in modo che voi ne usiate un po' più alta: larga 28cm e alta 7cm, con coperchio.






INGREDIENTI: 500g di farina 00, 50g di zucchero, una bustina di lievito secco di birra ( o 30g di lievito di birra), un quarto di latte, un uovo, 50ml di olio di semi di girasole ( o burro ammorbidito), la buccia grattugiata di un limone.
Per cuocere al vapore: un quarto di latte, una noce di burro ( o un cucchiaio di olio),40g di zucchero.


Mettete in una ciotola capiente la farina, il lievito (se usate quello fresco scioglietelo in un po' di latte), lo zucchero, la buccia del limone, l'olio o il burro a pezzetti e il latte tiepido. Impastate il tutto molto bene, coprite e lasciate lievitare per un'ora in un luogo caldo. Deve raddoppiare il volume. 
Dividete l'impasto in 14 palline, copritele e lasciatele lievitare per una trentina di minuti. Versate il latte con lo zucchero e il burro o l'olio, in una pentola larga 28cm circa e alta più di 7cm. Adagiatevi le palline un po' strette, coprite con un coperchio, assicuratevi che aderisca bene, e portate ad ebollizione. Abbassate la fiamma e fate cuocere i bomboloni a vapore per 20 minuti. Se dovesse avanzarvi del latte, togliete il coperchio e lascite che il liquido si assorba completamente. Sotto si formerà una crosticina. 
Se non avete una pentola così larga, potete cuocere i bomboloni in due volte, dividendo il latte e lo zucchero.




giovedì 5 giugno 2014

Pollo al sesamo e limone con piattoni e patate grigliate




 Un piatto unico, un riciclo, un secondo...mangiatelo come più vi piace. Un modo veloce per riciclare del petto di pollo avanzato, o come nel mio caso cotto al momento per la ricetta. Accompagnatelo con delle patate alla griglia condite con dell'olio d'oliva e pepe, avrete un piatto unico.
Sembra che l'estate abbia intenzione di arrivare, almeno qui nell'estremo nord d'Italia, e questi piatti veloci dove carne e verdure si incontrano, possono essere un'ottima idea per le prossime giornate calde. 





INGREDIENTI: un petto di pollo lessato o fresco, 300g di fagiolini piattoni verdi, un cucchiaio di semi di sesamo, una decina di olive verdi snocciolate, un limone, un rametto di timo, paprica dolce a piacere, sale, olio d' oliva, 4 patate medie, pepe nero.


Lavate le patate con tutta la buccia e tagliatele a fette spesse 1/2 cm circa. Salatele con del sale grosso e grigliatele a fuoco lento fino a quando saranno tenere. Prima di servirle conditele con dell'olio e una macinata di pepe nero.
Lavate e pulite i fagiolini e lessateli lasciandoli al dente.
Tagliate il pollo a straccetti e mettetelo in una padella con dell'olio. Se è fresco fatelo cuocere per alcuni minuti. Unite il sesamo, la paprica e fate saltare. Unite i fagiolini tagliati a pezzi, il timo, le olive e irrorate con il succo di 1/2 limone.
Sistemate il pollo in un piatto con le patate e servite con delle fette di limone.





_________________ INSTAGRAM _______ PINTEREST _______ BLOGLOVING _________________